22
Mar
migliorare la visibilità

Come migliorare la visibilità su Google

Con i principali motori di ricerca in continuo aggiornamento è davvero difficile riuscire a mantenere il passo ed essere sempre in prima pagina su tutti i motori di ricerca. Ormai è chiaro a tutti che nessuno può garantire il primo posto sulla prima pagina di Google a meno che non sia Larry Page in persona a farlo.

Nonostante ciò abbiamo per voi alcuni consigli utili per migliorare la visibilità su Google del proprio sito

7 Suggerimenti per migliorare la visibilità su Google

1. Fai in modo che il sito sia utilizzabile da tutti gli utenti

migliora visibilità sito device

Il sito risponde chiaramente ai bisogni dei visitatori? È navigabile su tutti i device, in particolar modo quelli mobile? Gli utenti riescono ad ottenere quello di cui sono alla ricerca in pochi passaggi? A tal proposito potrebbe essere utile usare come esempio i Marketplace, come Amazon, dove, generalmente con 2 click si riesce a completare il processo di acquisto.

2. Presentati sui Social, quelli giusti

migliorare la visibilità social

Utilizza i canali social, focalizzando la tua attenzione su quelli più inerenti alla tua attività. Il fatto che esistano diversi canali social non significa che bisogna essere presenti su tutti. È bene, al contrario, capire quali sono i social da sfruttare e utilizzare per raggiungere il proprio target di utenti. In questo modo dalle pagine social è possibile guadagnare traffico e, (se non lo sapete), questa scelta è molto apprezzata dai motori di ricerca.

3. Crea Landing page chiare e interessanti

migliorare visibilità landing page

Prepara le pagine di atterraggio con cura, ricordando che devi attirare immediatamente l’attenzione del tuo visitatore. Scegli attentamente video o immagini puntando su creatività e originalità. Fate in modo che i testi siano chiari e redatti in italiano corretto. Offrite all’utente la possibilità di interagire, attraverso commenti sulla pagina di atterraggio fornendo sempre una risposta tempestiva, anche se i commenti presentano delle critiche.

4. Google ti aiuta a migliorare la visibilità

migliorare visibilità google

Utilizza gli strumenti presenti online come Google Trends e Google Adwords Keyword Tool per identificare le parole chiave migliori da utilizzare nei post e negli annunci e quindi per migliorare la visibilità del tuo sito su Google.

5.Pianifica le campagne pubblicitarie su più canali

migliorare visibilità

Imposta il budget a tua disposizione e fai in modo di sezionarlo in diversi canali; investi una parte su Google Adwords, una parte nelle campagne social, una parte nelle campagne DEM, sarà un ottimo investimento per capire quale canale sia quello funzionale per migliorare la visibilità del tuo brand e vendere di più. Non dimenticare di eseguire le corrette targetizzazione che se gestite male potrebbero farvi spendere il budget inutilmente senza ottenere le visite sperate.

6.Ottimizza il tuo sito e controlla la SERP

Controlla costantemente la SERP. In questo caso bisognerà investire un po’ di tempo ma svolgendo il lavoro correttamente, otterrai il frutto sperato. Fai in modo che i contenuti del tuo sito siano ottimizzati e che i metadati, in particolar modo Title e Meta-description siano compilati correttamente e contengano informazioni utili non solo per Google ma anche per l’utente che leggendo deciderà di approfondire la sua ricerca.

7. Sfrutta il word of mouth per migliorare la visibilità

Promuovi il sito o pagina quando ne avete l’occasione. Iniziate dai parenti, amici stretti, in questo caso il passaparola o word of mouth è il migliore strumento per farsi conoscere.

A questo punto ci teniamo a indicarti le azioni da evitare per non produrre l’effetto contrario

visibilità su google martello

  1. Individua solo le directory inerenti e correlate al sito. Evita una link building sbagliata, inserendo, soprattutto, la url del vostro sito ovunque. Fai una lista delle directory disponibili e selezionate solo quelle più inerenti alla tua attività, dopo aver eliminato i siti spammosi.
  2.  Evita keyword stuffing, utilizza le parole chiave può essere utile ma come dice il detto: “il troppo stroppia”.
  3.  Evita l’uso eccessivo di Tag. Utilizzali come macroaree tematiche per raggruppare articoli su argomenti pertinenti e correlati tra di loro.
  4. Evita la creazione di categorie in grandi quantità – Struttura il sito utilizzando poche categorie, soprattutto se si hanno pochi articoli o prodotti, utilizzando una parola chiave univoca.
  5.  Ridurre la lunghezza delle url per quanto possibile. Ricorda che Google non ama chi urla tanto.

Ripeto, seguire questi consigli non ti offrirà la garanzia di apparire in prima pagina sui risultati di ricerca di Google o altri motori di ricerca ma sicuramente sarà di aiuto per migliorare la visibilità del sito e non peggiorarla.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Contatti

Presto il consenso al trattamento dei dati secondo l'informativa sulla Privacy resa ai sensi dell'art. 13 D. LGS. 196/2003