13
Dic
strategie di link building

Strategie di link building che funzionano

Sono diverse le correnti di pensiero contrastanti sull’effettività della link building. All’indomani dei vari aggiornamenti e le sempre più allarmanti penalizzazioni di Google, l’attività di link building sembra aver perso la sua credibilità originaria. Ma  non si può dire che il link building sia estinto; sarebbe più corretto dire che tale attività sia cambiata. Per questo motivo non bisogna abbandonarla, bensì ottimizzarla e modificare le strategie adottare finora. Dire addio alle strategie non più rilevanti e dare più importanza alle strategie considerate, ancora, valide. Andiamo a vedere, quindi, quali sono le strategie di link building che funzionano:

 

Guest Posting:

Tra le tante proposte e correnti di pensiero, rimane ancora valido il Guest Posting. Il guest blogging nasce generando traffico verso il proprio sito da blog che trattino gli stessi argomenti. La regola è sempre la stessa: scegliamo un blog valido, con un alto page rank, inerente alla nostra area d’interesse, proponendo un solo articolo di qualità con un link che rimandi al prodotto o servizio. Il contenuto deve essere in linea con l’areatematica del blog ed essere esaustivo per il visitatore che raggiunge il nostro post.

Article Directory:

Dopo l’ultimo aggiornamento di Google, molte persone stanno mettendo in discussione il potere delle directory. Se utilizzata correttamente, quella della Directory in realtà, rimane una buona strategia di link building. Un utilizzo corretto delle directory consiste nell’inserire siti web con un alto page rank e inerenti all’attività del nostro sito. Google penalizza solo i siti che contengono contenuti di bassa qualità e link non tematizzati sia in entrata, sia in uscita.

Contenuti di qualità

Quando scriviamo contenuti non bisogna pensare nell’ottica tradizionale del link building, quindi più contenuti e più link, ma bisogna adottare la nuova ottica del contenuto di qualità. Pertanto saranno premiati sempre più i contenuti lunghi, dettagliati, che offrono un’informazione esaustiva, rispetto ai contenuti brevi e pieni di link obsoleti. Questo permette di aumentare il page rank del proprio sito su determinate parole chiave, senza strafare nel link building. I contenuti di qualità sono apprezzati dagli utenti che liberamente decidono di condividerli sulle pagine social con altri utenti, migliorando cosi il traffico di entrata sul sito.

Forum

L’interazione degli utenti sui forum è iniziata molto prima dell’avvento di Google. Gli utenti dei forum sono stati i primi centri capaci di fornire traffico di qualità per i contenuti di un sito. Per questo motivo, se sfruttati nel giusto modo, i forum possono rappresentare ancora oggi una strategia di link building. Ricordatevi di inserirvi in forum inerenti alla vostra area tematica. Preoccupatevi in primo luogo di fornire una risposta esaustiva per i vostri utenti e in secondo luogo pensate alla citazione del vostro sito. Solo dopo aver ottenuto una buona credibilità dagli utenti del forum, potrete sperare nell’ottenere il premio del traffico da parte degli altri utenti.

Social:

La link building non si costruisce soltanto in funzione di Google ma può essere sfruttata anche attraverso le pagine social. La maggior parte degli utenti che utilizza internet, soprattutto dal mobile, accede a internet per collegarsi sui profili social e successivamente si sposta sulla rete. Spesso raggiunge i siti esterni proprio tramite i contenuti condivisi dalla rete contatti sulle pagine social. Per questo motivo sfruttare il social, non solo con campagne di social media marketing, in giusta misura, per condividere i propri contenuti, potrebbe incrementare il traffico al nostro sito e sviluppare, di conseguenza, anche la sua link popularity.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Contatti

Presto il consenso al trattamento dei dati secondo l'informativa sulla Privacy resa ai sensi dell'art. 13 D. LGS. 196/2003